Turismo
18 Maggio 2020

Bonus vacanze 2020: i dettagli del bonus fino a 500 euro da spendere per le ferie italiane

Mentre si iniziano a intravedere le prime aperture di stabilimenti balneari e spiagge, l’incognita vacanza è ancora viva su tutto il territorio italiano, insieme alle riaperture delle strutture ricettive, le limitazioni agli spostamenti tra Regioni e l’ormai noto bonus vacanze per le famiglie.

Non è fatto nuovo che tra le ultimissime novità varate dal Governo e, inserite all’interno del Decreto Rilancio approvato nei giorni scorsi, ci sia anche un tesoretto di 2,4 miliardi dedicato al nuovo bonus. Si parla infatti, di un contributo fino a 500 euro per le spese sostenute in soggiorni all’interno del territorio nazionale, in alberghi, bed & breakfast, agriturismi, campeggi e villaggi, da utilizzare durante l’estate, l’autunno e l’inverno 2020.

Il bonus però non è accessibile a tutti, la misura prevede il contributo solo alle famiglie con un reddito Isee fino a 40 mila euro. Di conseguenza, l’importo sarà modulato in base alla numerosità del nucleo famigliare: 500 euro per famiglie composte da 3 o più soggetti, 300 euro per le famiglie di 2 persone e 150 euro per le famiglie composte da 1 persona.

Il bonus, riconosciuto ad un solo componete per nucleo famigliare, sarà valido dal 1 luglio al 31 dicembre 2020 e si attiverà attraverso un doppio meccanismo. L’80%  sarà uno sconto sul corrispettivo da parte del fornitore del servizio turistico o della struttura, che potrebbe poi utilizzarlo in vari modi. Il restante 20% come detrazione IRPEF da scalare sulla dichiarazione dei redditi del vacanziero.

Questo tipo di pagamento permette agli utenti di godere da subito di una riduzione sul prezzo della vacanza, mentre l’operatore turistico sarà rimborsato sotto forma di credito di imposta da utilizzare in compensazione o da cedere a fornitori, soggetti privati e intermediari finanziari.

Tra le condizioni indispensabili per accedere al bonus, il pagamento del servizio reso dalla singola struttura che deve essere corrisposto senza l’ausilio di soggetti che gestiscono piattaforme online come “booking”, “Airbnb”, escluse le agenzie di viaggio o tour operator.

La scelta su cui ha puntato il Ministro Franceschini, si lega alla necessità di supportare il turismo italiano, un settore che da solo movimenta il 13% del PIL e rischia di accumulare perdite di miliardi, un collasso con pesanti risvolti sia sociali che occupazionali a lungo termine.

Il bonus quindi, incoraggerebbe i cittadini a prenotare le vacanze in Italia, immettendo liquidità nel circuito turistico territoriale e svolgendo così, se fatto bene, l’atteso ruolo di moltiplicatore della domanda sul turismo italiano.

Archivi
calendar
Ultimi articoli
Alfio Ghezzi: al Mart il perfetto connubio tra territorio, tradizione e semplicità
06 Marzo 2021
leggi tutto
Castello Bonaria: nell'Alta Maremma un Luxury SPA Resort di eccellenza
04 Marzo 2021
leggi tutto
AVA&MAY: home decor e candele dai profumi esotici
02 Marzo 2021
leggi tutto
VIDEO - Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
28 Febbraio 2021
leggi tutto
Vado a vivere in un faro!
16 Febbraio 2021
leggi tutto
Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
13 Febbraio 2021
leggi tutto
Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
09 Febbraio 2021
leggi tutto
HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
03 Febbraio 2021
leggi tutto
Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
29 Gennaio 2021
leggi tutto
Isola in Irlanda cerca custodi: l'occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
25 Gennaio 2021
leggi tutto
Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l'innovativa di Turbine Light
21 Gennaio 2021
leggi tutto
Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che "fa il pieno" in cinque minuti
20 Gennaio 2021
leggi tutto
Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
15 Gennaio 2021
leggi tutto
Path, l'universo sotterraneo di Toronto
13 Gennaio 2021
leggi tutto
Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
11 Gennaio 2021
leggi tutto
mail instagram facebook youtube
Cookie Informativa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.

Accetta Scopri di piu
close
Condividi il nostro articolo sui social