Società
08 Febbraio 2020

Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt


22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17.

La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt.

La tela originale, si suppone infatti essere stata conclusa nel 1910 ed esposta a Dresda alla Grosse Kunstausstellung nel 1912. Poi, l’autore doveva aver deciso di coprire e cambiare alcuni colori e dettagli, fatta eccezione per il volto della donna rappresentata, soggetto solo a lievi modifiche. Questa idea, nata nel 1996 dall’intuizione di una studentessa piacentina (Claudia Maga), era stata di fondamentale importanza: inizialmente si credeva infatti che il primo “Ritratto di ragazza”, di cui esistevano soltanto pochissime immagini, fosse andato perduto. Invece, era stato solo nascosto dietro nuovi colori.

La tela del 1910, rappresentava una giovane donna in tutto il suo splendore: i toni, decisamente più scuri, erano dati dal cappello nero a tesa larga, dall’abito scuro e dal profondo décolleté. Anche l’acconciatura dei capelli era molto diversa da quella che conosciamo, e alcune ciocche arrivavano a coprire la mascella della ragazza.

Il “Ritratto di signora” che invece era parte della Galleria Ricci Oddi dal 1925 circa, d’altro canto, riportata una giovane donna dai lineamenti delicati, con i capelli raccolti e un vestito a collo alto dai toni più chiari.

 

Un furto, quello del febbraio 1997, come tanti ne avvengono, ma che aveva fatto il giro del mondo in pochi giorni.
La vicenda, mai dimenticata, era rimasta poi celata nei meandri della memoria, come spesso accade quando scompaiono dipinti o opere di questo calibro: è raro, infatti, che queste vengano poi ritrovate e riportate a casa.

Lo scorso 10 dicembre, poi, il ritrovamento quasi casuale nell’intercapedine della parete esterna della Galleria. Il quadro, nascosto in un sacco, era stato ritrovato dietro ad uno sportello nascosto da alcuni tralci di edera. 

Le indagini dietro alla scomparsa di questo dipinto dal valore inestimabile erano state particolarmente serrate e si erano snodate su numerose e varie piste anche grazie alla cornice del dipinto, rinvenuta sul tetto dopo il furto. 

Poi, lo scorso 21 gennaio, sul Corriere della Sera e su Libertà, le strabilianti novità: due uomini di oltre 60 anni confessano il furto. Sicuramente un modo per alleviare la propria pena, data la fedina penale particolarmente macchiata. Secondo quanto riportato dai media, i due avrebbero fatto parte di una banda di ladri che tra il 2013 ed il 2014 era riuscita a mettere a segno oltre 40 rapine tra gioiellerie e case. La Cassazione, ha condannato i due a rispettivamente a sette anni e quattro anni più otto mesi di reclusione. La sentenza, emessa pochi giorni dopo il ritrovamento del Klimt, ha fatto subito pensare che il restituire il dipinto fosse solo un disperato tentativo di chiedere clemenza.

Attualmente, il dipinto dovrà essere sottoposto ad un normale intervento di manutenzione, ma Piacenza può tirare un sospiro di sollievo: una delle più belle opere scomparse è tornata finalmente a casa. 

Archivi
calendar
Ultimi articoli
La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna
19 Gennaio 2022
leggi tutto
Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese
12 Gennaio 2022
leggi tutto
Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia
10 Gennaio 2022
leggi tutto
2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti
07 Gennaio 2022
leggi tutto
L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali
06 Gennaio 2022
leggi tutto
Il 2022 ribattezzato “l’anno dei weekend lunghi”: quali giorni approfittare per una gita fuori porta
05 Gennaio 2022
leggi tutto
Alpe Cimbra: il drago nato da Vaia è già un #must da vedere
01 Gennaio 2022
leggi tutto
Le 5 località trentine più belle da visitare in inverno
29 Dicembre 2021
leggi tutto
Bio-expo a Trento: il luogo esatto dove la genuinità della terra incontra il consumatore
27 Dicembre 2021
leggi tutto
Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
27 Dicembre 2021
leggi tutto
Chalet al Foss Alp Resort: l'hotel trentino che spopola su Instagram
26 Dicembre 2021
leggi tutto
Il nuovo mega tunnel delle Isole Faroe: un’opera d’arte 190 metri sotto il livello del mare
22 Dicembre 2021
leggi tutto
A Venezia il presepe galleggiante accende il Natale in mezzo alla laguna
15 Dicembre 2021
leggi tutto
Il primo aereo di linea atterra in Antartide: si apre un nuovo estremo capitolo nel mondo del turismo
09 Dicembre 2021
leggi tutto
Una catapulta spaziale per inviare carichi nello spazio, dal 2022 in azione l’idea innovativa ed economica
01 Dicembre 2021
leggi tutto
mail instagram facebook youtube
Scrivici:

Unico e Bello Magazine - Zalcom.it
P.I. 0 1 8 0 3 6 6 0 2 2 2 - Informativa Privacy - © 2021. All Rights Reserved.

E’ stata fatta un’accurata selezione dei testi e delle immagini scelte tra quelle gratuite o di pubblico dominio, ad ogni modo la redazione si impegna a rimuovere contenuti che violino il copyright altrui

Cookie Informativa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.

Accetta Scopri di piu
close
Condividi il nostro articolo sui social