Società
08 Febbraio 2020

Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt

22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17.

La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt.

La tela originale, si suppone infatti essere stata conclusa nel 1910 ed esposta a Dresda alla Grosse Kunstausstellung nel 1912. Poi, l’autore doveva aver deciso di coprire e cambiare alcuni colori e dettagli, fatta eccezione per il volto della donna rappresentata, soggetto solo a lievi modifiche. Questa idea, nata nel 1996 dall’intuizione di una studentessa piacentina (Claudia Maga), era stata di fondamentale importanza: inizialmente si credeva infatti che il primo “Ritratto di ragazza”, di cui esistevano soltanto pochissime immagini, fosse andato perduto. Invece, era stato solo nascosto dietro nuovi colori.

La tela del 1910, rappresentava una giovane donna in tutto il suo splendore: i toni, decisamente più scuri, erano dati dal cappello nero a tesa larga, dall’abito scuro e dal profondo décolleté. Anche l’acconciatura dei capelli era molto diversa da quella che conosciamo, e alcune ciocche arrivavano a coprire la mascella della ragazza.

Il “Ritratto di signora” che invece era parte della Galleria Ricci Oddi dal 1925 circa, d’altro canto, riportata una giovane donna dai lineamenti delicati, con i capelli raccolti e un vestito a collo alto dai toni più chiari.

 

Un furto, quello del febbraio 1997, come tanti ne avvengono, ma che aveva fatto il giro del mondo in pochi giorni.
La vicenda, mai dimenticata, era rimasta poi celata nei meandri della memoria, come spesso accade quando scompaiono dipinti o opere di questo calibro: è raro, infatti, che queste vengano poi ritrovate e riportate a casa.

Lo scorso 10 dicembre, poi, il ritrovamento quasi casuale nell’intercapedine della parete esterna della Galleria. Il quadro, nascosto in un sacco, era stato ritrovato dietro ad uno sportello nascosto da alcuni tralci di edera. 

Le indagini dietro alla scomparsa di questo dipinto dal valore inestimabile erano state particolarmente serrate e si erano snodate su numerose e varie piste anche grazie alla cornice del dipinto, rinvenuta sul tetto dopo il furto. 

Poi, lo scorso 21 gennaio, sul Corriere della Sera e su Libertà, le strabilianti novità: due uomini di oltre 60 anni confessano il furto. Sicuramente un modo per alleviare la propria pena, data la fedina penale particolarmente macchiata. Secondo quanto riportato dai media, i due avrebbero fatto parte di una banda di ladri che tra il 2013 ed il 2014 era riuscita a mettere a segno oltre 40 rapine tra gioiellerie e case. La Cassazione, ha condannato i due a rispettivamente a sette anni e quattro anni più otto mesi di reclusione. La sentenza, emessa pochi giorni dopo il ritrovamento del Klimt, ha fatto subito pensare che il restituire il dipinto fosse solo un disperato tentativo di chiedere clemenza.

Attualmente, il dipinto dovrà essere sottoposto ad un normale intervento di manutenzione, ma Piacenza può tirare un sospiro di sollievo: una delle più belle opere scomparse è tornata finalmente a casa. 

Società
Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”

Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico...

03 Aprile 2020
Società
Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus

In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino...

02 Aprile 2020
Società
Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta "adottandoli"

L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi...

30 Marzo 2020
Società
Le Comunità cinesi del nord Italia raccolgono e donano materiale sanitario agli ospedali

In un momento di grande difficoltà in cui l’ intero Stato italiano è stato interamente bloccato dall’emergenza Coronavirus diventando “zona rossa”, molte comunità cinesi del nord Italia si stanno muovendo...

12 Marzo 2020
Società
Coronavirus e scuole chiuse: le mamme trentine fondano “La Banca del Tempo delle Mamme”, un progetto per aiutarsi

La Comunicazione arrivata dal Governo della chiusura della scuole di tutta Italia a causa dell'emergenza Coronavirus, ha mandato letteralmente in tilt la maggior parte delle famiglie italiane, che ad oggi...

06 Marzo 2020
Archivi
calendar
Ultimi articoli
Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
03 Aprile 2020
leggi tutto
Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
03 Aprile 2020
leggi tutto
Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
02 Aprile 2020
leggi tutto
Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
02 Aprile 2020
leggi tutto
Torino: l'evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
01 Aprile 2020
leggi tutto
Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
01 Aprile 2020
leggi tutto
Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
31 Marzo 2020
leggi tutto
Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta "adottandoli"
30 Marzo 2020
leggi tutto
Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
30 Marzo 2020
leggi tutto
Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
25 Marzo 2020
leggi tutto
Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
25 Marzo 2020
leggi tutto
Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
24 Marzo 2020
leggi tutto
Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
23 Marzo 2020
leggi tutto
Cascata "rosso sangue" in Antartide, uno spettacolo della natura
23 Marzo 2020
leggi tutto
Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
20 Marzo 2020
leggi tutto
mail instagram facebook youtube
Cookie Informativa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.

Accetta Scopri di piu
close
Condividi il nostro articolo sui social