Lifestyle
28 Novembre 2019

Il Kintsugi è sinonimo di Resilienza

L’arte del Kintsugi è un arte di origine giapponese che consiste nell’uso di oro o argento liquidi per aggiustare degli oggetti in ceramica. Solitamente questo vasellame diventa prezioso da un punto di vista economico per la presenza dell’oro. Si impreziosisce anche sotto l’aspetto artistico perché ogni contenitore in ceramica, quando si rompe, crea delle fratture di forma sempre differente, quindi la preziosa saldatura dei cocci diventerà un pezzo unico.

Quanti messaggi belli, ci dà il il kintsugi!

Il kintsugi suggerisce paralleli suggestivi. Non si deve buttare ciò che si rompe. La rottura di un oggetto non ne rappresenta più la fine. Le sue fratture diventano trame preziose. Si deve tentare di recuperare, e nel farlo ci si guadagna.
È l’essenza della resilienza. Nella vita di ognuno di noi, forse, si deve cercare il modo di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di crescere attraverso le proprie esperienze dolorose, di valorizzarle, esibirle e convincersi che sono proprio queste che rendono ogni persona unica, preziosa.

Che cos’è la Resilienza? Quest’ultima è una capacità acquisibile che ci permette di far fronte positivamente alle difficoltà, anche a quelle più pesanti e dure da superare. Ci rende capaci di ricreare la nostra vita rimanendo attenti a ciò che questa ci offre e ci dà la forza di persistere con consapevolezza verso il raggiungimento dei nostri obiettivi.

Tutto questo percorso interiore può essere paragonato appunto al Kintsugi cioè questa particolare forma d’arte che ci permette di riattaccare i cocci di una ciotola con dell’oro liquido per renderla ancora più preziosa. La metafora del Kintsugi quindi può essere utilizzata anche per rimettere in sesto la nostra anima.

Infatti quando noi rimettiamo in ordine i nostri pensieri ed i nostri sentimenti con consapevolezza e forza di volontà, dimostriamo di essere persone resilienti, similmente all’evento della ciotola che cade e si rompe che poi viene rimessa insieme con l’oro.

Così facendo siamo e dimostriamo di essere delle persone capaci di affrontare questi avvenimenti negativi e di uscirne grazie alla capacità di essere appunto resilienti.

Anche se a volte non riusciamo ad affrontare i nostri errori, possiamo provare comunque ad accettarli e ad accogliere il nostro fallimento senza rimorsi e rimpianti.

Per approfondire l’argomento, ci sono un paio di libri che trattano il tema del Kintsugi come metodo di resistenza per vivere meglio: “Kintsugi, l’arte segreta di riparare la vita” di Céline Santini e “Kintsukuroi. L’arte giapponese di curare le ferite dell’anima” di Tomas Navarro e V. Gallo.

Immagine di copertina e immagini nel testo da: https://www.lifegate.com/people/lifestyle/kintsugi

Società
Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d'ufficio

In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni...

19 Febbraio 2020
Abitare
Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi

In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza...

13 Febbraio 2020
Abitare
Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici

Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l'ambiente domestico....

11 Febbraio 2020
Benessere e Salute
Parco giochi per anziani: l'incredibile idea per che unisce il gioco alla salute

All'arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo...

09 Febbraio 2020
Società
Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt

22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto...

08 Febbraio 2020
Archivi
calendar
Ultimi articoli
Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
20 Febbraio 2020
leggi tutto
Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d'ufficio
19 Febbraio 2020
leggi tutto
“Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
16 Febbraio 2020
leggi tutto
Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d'impresa
14 Febbraio 2020
leggi tutto
Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
13 Febbraio 2020
leggi tutto
Bhutan: l'incredibile fascino del Paese più felice del mondo
13 Febbraio 2020
leggi tutto
Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
11 Febbraio 2020
leggi tutto
Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
10 Febbraio 2020
leggi tutto
Parco giochi per anziani: l'incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
09 Febbraio 2020
leggi tutto
Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
08 Febbraio 2020
leggi tutto
Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
07 Febbraio 2020
leggi tutto
I cani al lavoro con il padrone, Unicredit ed il successo del pet-friendly
06 Febbraio 2020
leggi tutto
Dall'Italia pronto un test europeo per la diagnosi del Coronavirus
05 Febbraio 2020
leggi tutto
Due mari che si abbracciano, ma che mai si uniscono, le sorprese della natura
04 Febbraio 2020
leggi tutto
Lego Braille Bricks: la prima serie di mattoncini Lego per bambini non vedenti
03 Febbraio 2020
leggi tutto
mail instagram facebook youtube
Cookie Informativa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.

Accetta Scopri di piu
close
Condividi il nostro articolo sui social