Italia
26 Marzo 2021

Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte

Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene.
Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano e un ricco proprietario terriero.
Oggi il castello realizza nuovi sogni. È rimasto intatto con tutte le sue opere d’arte ed è diventato anche un albergo di lusso. È una tappa importante nell’itinerario del Barocco piemontese e una tappa eccezionale nel percorso fra i soggiorni eccellenti della regione.

Camere da letto sontuose in stile antico, alta cucina, grandi vini e moderna tecnologia del benessere si sono alleati con la Storia per una esperienza unica. Il Castello fa parte dell’itinerario del Barocco in Piemonte. La dimora storica situata al primo piano è una delle più interessanti di tutto il Piemonte.

Il Castello è un luogo unico ed esclusivo. Nel pieno del Roero, la sua balconata domina oltre 60 chilometri di territorio UNESCO: si vedono le Langhe da Asti fin quasi a Barolo passando per Barbaresco; si arriva a scorgere il Monferrato, oltre a una larga porzione di arco delle Alpi. Sulla destra, la piana di Alba, città della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco. Le principali aree turistiche e di shopping del Nord Italia, come Torino, Milano e la Riviera, distano appena un’ora di automobile.

Da sette secoli il castello domina la collina di Guarene: nel Medioevo era un fortilizio, nel XVIII secolo diventò la nuova dimora estiva dei conti Roero, disegnata personalmente e costruita dal più noto della casata, il conte Carlo Giacinto, una significativa figura di aristocratico illuminato del Settecento piemontese.

Ad oggi gli ambienti più significativi sono 15, distribuiti sui due lati del salone centrale: sono il cuore della casa-museo che è il castello di Guarene.
La Stanza del Vescovo, intatta, continua ad offrire uno degli esempi più spettacolari di “bandera”, a fantasiosi disegni ricamati con lane policrome su un particolare tessuto di cotone. Altrettanto la Camera Azzurra, dove i ricami in “bandera” sono stilizzati in esili ghirlande e cespi floreali.
Nelle due Sale Cinesi, le tappezzerie furono fatte venire dall’Oriente nella seconda metà del Settecento attraverso Londra e un viaggio per mare fino a Marsiglia, e di qui trasportate a dorso di mulo al castello. Sono ancora lì, perfettamente conservate, in buona compagnia con i tessuti in seta del letto a baldacchino, decorati a motivi orientali.

E poi, alzando gli occhi alle volte affrescate della Sala da pranzo e della Galleria, gli ospiti del castello potranno fare il paragone con quelle della Palazzina di Caccia di Stupinigi, rendersi conto che i soffitti di Guarene non ne sono affatto distanti in bellezza. Deliziosa anche la volta ottocentesca della Sala della musica.

Quanto ai dipinti nelle sovrapporte e alle pareti, formano nell’insieme una vera e propria pinacoteca, tutt’altro che di second’ordine. Parecchie tele sorprendono per la loro importanza, come la bellissima Madonna della Cappella e i paesaggi di Scipione e di Vittorio Amedeo Cignaroli. E poi c’è una ricchezza tutta da esplorare per i curiosi del passato: un’ottantina di personaggi, principi, re, prelati, dame e cavalieri, eccezionale galleria di volti, di storie, di memorie inedite. Non ultima attrattiva per le signore: gli abiti delle dame danno vita ad una vera e propria rassegna della moda femminile aristocratica nel Sei e Settecento.

Il castello offre anche un percorso attraverso bei mobili antichi, dalle cassepanche intagliate del secolo XVII ai raffinati esemplari Louis XVI.
Una meraviglia per gli intenditori, ma anche uno spettacolo per tutti, è la biblioteca che ha accumulato nei secoli centinaia di libri in preziose legature. Parecchi dei volumi sono in esemplare unico.

La disposizione scenografica delle spalliere di carpini, dei taxus modellati a pinnacoli e dei cipressi moltiplica sapientemente il piccolo spazio a disposizione. Nelle cronache si narra la presenza, in tempi antichi, di cinque pavoni – fatto strano per l’epoca e la zona.

Al livello inferiore, sul lato del castello rivolto verso la vallata del Tanaro e verso Barbaresco, si trova un altro giardino formale, denominato “Maneggio”, dove basse siepi di carpino delimitano aiuole di forme geometriche diverse, disposte simmetricamente rispetto all’asse centrale del giardino. La recente ristrutturazione ha riportato il giardino all’originario splendore.

 

Archivi
calendar
Ultimi articoli
Il mini portafoglio sottile, leggero e intelligente
05 Dicembre 2022
leggi tutto
Come fare il marzapane: ingredienti e preparazione
15 Novembre 2022
leggi tutto
“Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
25 Ottobre 2022
leggi tutto
Abilità e passione per l’illuminazione, dal 1963 piccole opere d’arte artigianali con Zanella Arredamenti 
30 Settembre 2022
leggi tutto
QuadriUnici - Un progetto neuronale di arte digitale
26 Settembre 2022
leggi tutto
Linea vita: cos’è e quando è obbligatoria
09 Settembre 2022
leggi tutto
Puoi cucinare con canapa o CBD?
24 Agosto 2022
leggi tutto
Weekend a Bergamo, qualche consiglio per divertirsi 
23 Agosto 2022
leggi tutto
Chalet Pinocchio, dove sentirsi sempre a casa
20 Agosto 2022
leggi tutto
Cantina Sociale di Avio e il suo vino, un viaggio nei sapori del Trentino
08 Agosto 2022
leggi tutto
Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d'Italia
25 Luglio 2022
leggi tutto
Upstream, un salmone unico nel suo genere
15 Luglio 2022
leggi tutto
Bolsieri: lo stile italiano delle borse in pelle da donna
06 Luglio 2022
leggi tutto
Resort Valle dell’Erica: l'angolo di paradiso ideale per tutta la famiglia
24 Giugno 2022
leggi tutto
Benessere e relax nel cuore della Maremma toscana
18 Giugno 2022
leggi tutto
mail instagram facebook youtube
Per info o per pubblicare i tuoi guest post scrivici:

Unico e Bello Magazine - Zalcom.it
P.I. 0 1 8 0 3 6 6 0 2 2 2 - Informativa Privacy - © 2021. All Rights Reserved.


E’ stata fatta un’accurata selezione dei testi e delle immagini scelte tra quelle gratuite o di pubblico dominio, ad ogni modo la redazione si impegna a rimuovere contenuti che violino il copyright altrui

close
Condividi il nostro articolo sui social