Italia
27 Giugno 2020

Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà

Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo.

In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della via: pensate quindi come deve essere addentrarsi in questo Parco dove nella pietra sono scolpiti mostri ed esseri mitologici.

Progettato dal principe Vicino Orsini e dal grande architetto Pirro Ligorio nel 1552, il parco ha saputo inserirsi nella cultura architettonico-naturalista del secondo Cinquecento. Tuttavia, questo bosco non rispetta gli standard e le regole dell’architettura dell’epoca: i suoi sentieri, le statue non sono distribuiti e disegnati secondo un ordine ben definito, ma tendono a rappresentare quel caos primordiale che è facile collegare all’animo umano nei momenti di difficoltà o di instabilità mentale causata proprio da ciò che si teme. Benché le ragioni per cui il Parco dei Mostri sia stato costruito restino ignote, tra le ipotesi più plausibili spicca quella del “percorso iniziatico”, quasi che Orsini volesse portare i suoi ospiti  faccia a faccia con il loro Io più nascosto.

Dopo quattro secoli di abbandono, questo luogo che si estende su una superficie di circa 3 ettari è stato fortunatamente rivalutato anche grazie ad intellettuali e artisti come Johann Wolfgang von Goethe, Salvador Dalì (che qui si ispirò per il trittico “Le Tentazioni di Sant’Antonio”) e Mario Praz solo per citarne alcuni, è ancora possibile addentrarsi tra i sentieri e nell’oscurità degli alberi per cercare di seguire un percorso. Il tutto, accompagnato da una frase scolpita su una delle due sfingi poste al suo ingresso: “Tu ch’entri qua pon mente parte a parte et dimmi poi se tante maraviglie sien fatte per inganno o pur per arte”.

Lungo il percorso si incontrano circa 35 composizioni: da Ercole contro Caco, dalla statua di Nettuno al complesso del Pegaso Alato alle statue di Echidna e Furia. Qui, ogni incubo diventa reale, ogni inquietudine riesce insieme allo stupore a farsi strada nel cuore dei passanti.
A Bomarzo la finzione scenica è travolgente; l’osservatore non può contemplare perché vi è immerso, in un ingranaggio di sensazioni (…), capace di confondere le idee, di sopraffare emotivamente, di coinvolgere in un mondo onirico, assurdo, ludico ed edonistico” scrisse Bruno Zevi su Barocco Illuminismo (1995).

Il parco è aperto tutti i giorni dalle 8:30 alle 19:00. I biglietti costano 11 euro per gli adulti e 8 per i bambini dai 4 ai 13 anni. In caso di gruppi (che devono essere composti da almeno 30 persone) il costo del biglietto è di 8 euro mentre per i diversamente abili l’ingresso è gratuito.

 

 

Archivi
calendar
Ultimi articoli
Alfio Ghezzi: al Mart il perfetto connubio tra territorio, tradizione e semplicità
06 Marzo 2021
leggi tutto
Castello Bonaria: nell'Alta Maremma un Luxury SPA Resort di eccellenza
04 Marzo 2021
leggi tutto
AVA&MAY: home decor e candele dai profumi esotici
02 Marzo 2021
leggi tutto
VIDEO - Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
28 Febbraio 2021
leggi tutto
Vado a vivere in un faro!
16 Febbraio 2021
leggi tutto
Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
13 Febbraio 2021
leggi tutto
Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
09 Febbraio 2021
leggi tutto
HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
03 Febbraio 2021
leggi tutto
Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
29 Gennaio 2021
leggi tutto
Isola in Irlanda cerca custodi: l'occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
25 Gennaio 2021
leggi tutto
Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l'innovativa di Turbine Light
21 Gennaio 2021
leggi tutto
Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che "fa il pieno" in cinque minuti
20 Gennaio 2021
leggi tutto
Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
15 Gennaio 2021
leggi tutto
Path, l'universo sotterraneo di Toronto
13 Gennaio 2021
leggi tutto
Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
11 Gennaio 2021
leggi tutto
mail instagram facebook youtube
Cookie Informativa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.

Accetta Scopri di piu
close
Condividi il nostro articolo sui social