Moda
27 Gennaio 2020

33 capi per 3 mesi: Project 333, una sfida per sentirsi più leggeri

Siamo sempre più una popolazione stressata e abituata a vivere in un’era di consumismo fatta di shopping sfrenato, immediatezza, velocità ed inevitabilmente armadi sempre troppo pieni. Esiste chi invece, ha deciso di optare per una vita dedita all’essenzialità e alla semplicità semplificando non solo lo spazio fisico ma anche quello mentale: un modo di vivere che viene identificato come minimalista.

In molti dicono che adottare uno stile minimal possa aiutare ad allontanarsi dagli eccessi materiali gestendo e migliorando l’organizzazione sia mentale che fisica. Per questo è nato “project 333”,detto anche “guardaroba capsula”, che basandosi su una finalità minimalista, etica e sostenibile sostiene un approccio particolare proponendo di vestire per 3 mesi solo con 33 capi, accessori inclusi.

www.joycecloset.ca

Una vera sfida creata dall’americana Courtney Carver, non solo per diminuire il guardaroba ma anche per avvicinarsi ad un modo di vivere essenziale, una filosofia di vita che cambia totalmente le priorità personali.

La prima regola di “project 333” sta nel passare in rassegna l’intero armadio per scegliere 33 tra vestiti, accessori e scarpe che accompagneranno i successivi 3 mesi. Capi da analizzare scrupolosamente per verificarne sia la versatilità che il possibile abbinamento tra di loro.

www.habitante.it

In base alle regole il resto del guardaroba non va gettato ma va inscatolato e messo da parte in vista dei 3 mesi successivi in modo da non cadere in futili tentazioni. Infatti, secondo Courtney Carver 33 sarebbe il numero di capi perfetto e decisamente sufficiente per avere un armadio funzionale ed organizzato per qualsiasi stagione, accessori compresi

La magica cifra dei 33 capi, per quanto possa sembrare una sfida difficile, aiuterebbe a vivere con meno stress, in modo più libero, leggero e di conseguenza più confortevole, imparando ad apprezzare quello che si possiede per scoprire ciò che conta davvero e senza incorrere in acquisti impulsivi.

Archivi
calendar
Ultimi articoli
“Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
16 Febbraio 2020
leggi tutto
Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d'impresa
14 Febbraio 2020
leggi tutto
Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
13 Febbraio 2020
leggi tutto
Bhutan: l'incredibile fascino del Paese più felice del mondo
13 Febbraio 2020
leggi tutto
Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
11 Febbraio 2020
leggi tutto
Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
10 Febbraio 2020
leggi tutto
Parco giochi per anziani: l'incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
09 Febbraio 2020
leggi tutto
Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
08 Febbraio 2020
leggi tutto
Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
07 Febbraio 2020
leggi tutto
I cani al lavoro con il padrone, Unicredit ed il successo del pet-friendly
06 Febbraio 2020
leggi tutto
Dall'Italia pronto un test europeo per la diagnosi del Coronavirus
05 Febbraio 2020
leggi tutto
Due mari che si abbracciano, ma che mai si uniscono, le sorprese della natura
04 Febbraio 2020
leggi tutto
Lego Braille Bricks: la prima serie di mattoncini Lego per bambini non vedenti
03 Febbraio 2020
leggi tutto
Cosa c’è di meglio di una buona tazza di the caldo?
02 Febbraio 2020
leggi tutto
Giardino verticale, un toccasana per la salute ed il benessere in casa
01 Febbraio 2020
leggi tutto
mail instagram facebook youtube
Cookie Informativa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.

Accetta Scopri di piu
close
Condividi il nostro articolo sui social