Lifestyle
19 Novembre 2019

Tenersi in forma ridendo, la pratica per allontanare la palestra e lo stress

Particolare ma efficace, si tratta di un’intuizione del medico indiano Dott. Madan Kataria che, unendo l’attività di meditazione dello Yoga con quella della risata ha concepito lo “Yoga della risata”.

Questo particolare esercizio permette a chiunque, in qualsiasi stato d’animo esso si trovi, di ridere e sopratutto beneficiare di tutte le meraviglie che porta la risata, attraverso la respirazione dell’attività yoga.

Non vengono raccontate barzellette, gags o quant’altro, l’unico strumento utilizzato è il proprio corpo con il quale attraverso particolari allenamenti si riesce ad arrivare a ridere incondizionatamente.

La disciplina si pratica in gruppo e si vive così la risata come se fosse un esercizio fisico vero e proprio. Si svolgono degli allenamenti di risate guardandosi negli occhi e si “ nutre il bambino interiore” muovendosi nello spazio e giocando in cooperazione.

Attraverso l’allenamento iniziale, la risata autoindotta se stimolata si trasforma quasi subito in risata autentica e spontanea con tutti i benefici che questa porta fatta insieme ad altri.

Il contatto visivo è elemento importante durante l’allenamento e aiuta perché innesca il lavoro dei neuroni specchio, ossia vedere e sentire una rista contagiosa di un’altra persona ha effetto anche sulla nostra e saremo più propensi a ridere spontaneamente.

Si chiama “Yoga della risata” perché ridere a livello fisiologico non è altro che una continua inspirazione ed espirazione. Ridendo, il nostro corpo ed il nostri polmoni lavorano espellendo anidride carbonica e inspirando più ossigeno, per non parlare poi della prolungata contrazione muscolare.

Alla fine dell’esercizio il corpo e il cervello saranno più ossigenati, questo indicherà più carica, energia, vitalità ma anche salute. Lo Yoga della risata sta alla base di un fatto scientifico: Il corpo non è in grado di distinguere tra risata autoindotta e risata spontanea ed i benefici che produce sono comunque gli stessi.

L’importante è che questa risata sia prolungata per almeno 10 minuti consecutivi, la cui parte centrale viene chiamata “ meditazione della risata”. Durante questi minuti nel nostro corpo avviene il cosiddetto “joy cocktail”, un’esplosione biochimica di grandissimo benessere.Vengono prodotti gli antidolorifici naturali, le endorfine, si auto producono le morfine e con la serotonina e la dopamina si abbassano i livelli di stress e aumentano quelli del benessere

La versatilità della pratica è così vasta che può essere praticato ovunque ci sia un gruppo in al alcuni reparti di ospedale è stato già inserito. Secondo degli esperti può essere utilizzata come pratica utile per fare team building nelle aziende, nelle case di risposo per sostenere l’umore o nelle scuole con i casi di disabilità. L’importante è semplicemente iniziare a ridere senza pensare a nulla, la risata arriverà poi da sola senza problemi.

Abitare
Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi

In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza...

13 Febbraio 2020
Abitare
Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici

Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l'ambiente domestico....

11 Febbraio 2020
Benessere e Salute
Parco giochi per anziani: l'incredibile idea per che unisce il gioco alla salute

All'arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo...

09 Febbraio 2020
Società
Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt

22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto...

08 Febbraio 2020
Società
I cani al lavoro con il padrone, Unicredit ed il successo del pet-friendly

Le relazioni tra essere umani e cani danno vita a storie davvero affascinanti. Infatti, fin dall'antichità quest'animale domestico ha da sempre affiancato l'essere umano nella maggior parte delle attività: dall'allevamento...

06 Febbraio 2020
Archivi
calendar
Ultimi articoli
“Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
16 Febbraio 2020
leggi tutto
Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d'impresa
14 Febbraio 2020
leggi tutto
Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
13 Febbraio 2020
leggi tutto
Bhutan: l'incredibile fascino del Paese più felice del mondo
13 Febbraio 2020
leggi tutto
Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
11 Febbraio 2020
leggi tutto
Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
10 Febbraio 2020
leggi tutto
Parco giochi per anziani: l'incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
09 Febbraio 2020
leggi tutto
Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
08 Febbraio 2020
leggi tutto
Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
07 Febbraio 2020
leggi tutto
I cani al lavoro con il padrone, Unicredit ed il successo del pet-friendly
06 Febbraio 2020
leggi tutto
Dall'Italia pronto un test europeo per la diagnosi del Coronavirus
05 Febbraio 2020
leggi tutto
Due mari che si abbracciano, ma che mai si uniscono, le sorprese della natura
04 Febbraio 2020
leggi tutto
Lego Braille Bricks: la prima serie di mattoncini Lego per bambini non vedenti
03 Febbraio 2020
leggi tutto
Cosa c’è di meglio di una buona tazza di the caldo?
02 Febbraio 2020
leggi tutto
Giardino verticale, un toccasana per la salute ed il benessere in casa
01 Febbraio 2020
leggi tutto
mail instagram facebook youtube
Cookie Informativa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.

Accetta Scopri di piu
close
Condividi il nostro articolo sui social