Natura e Ambiente
23 Marzo 2020

Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura

Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide.

Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine di questo fenomeno.

Un team formato da vari studiosi provenienti dalle più prestigiose Università americane, infatti, sono riusciti a trovare una risposta dietro al colore di queste acque che sembrano sgorgare dal terreno quasi fosse la terra stessa a sanguinare.

Fino al 2003, la maggior parte della comunità scientifica credeva che il colore fosse dato da una particolare alga rossa (un po’ come succedeva nel lago di Tovel, in Trentino Alto Adige fino a qualche decennio fa) o da un particolare tipo di batterio. In realtà, dopo numerosi studi e ricerche, grazie all’utilizzo di strumenti di ecolocazione (= Radio Eco Sounding) il team di esperti ha scoperto che sotto la superficie ghiacciata e sotto il terreno, nelle profondità dell’Antartide, c’è un’enorme quantità d’acqua che continua tutt’ora a scorrere e che non si ghiaccia mai proprio perché il continuo scorrere mantiene la temperatura costante e perché l’acqua è particolarmente salata e carica di metalli.

La zona in cui l’acqua sbuca dalla superficie si trova a nord del ghiacciaio Taylor, nelle Valli di McMurdo nella Terra della Regina Vittoria.

L’origine di questa sacca d’acqua salata da cui nasce la cascata vermiglia ha avuto inizio milioni di anni fa: quando si sono create le montagne della zona, il lago ed il suo corso d’acqua sono probabilmente rimasti bloccati sottoterra.
La brina ed il corso d’acqua sotterranei, nel tempo, si sono arricchite sempre più di sale, ferro e zolfo: per questo motivo quando l’acqua raggiunge la superficie, i metalli da essa contenuti  si ossidano e danno origine al fenomeno rossastro che tanto ha incuriosito studiosi e geologhi di tutto il mondo.

Negli ultimi anni sono iniziati dei percorsi di studio riguardo alla datazione del lago sotterraneo che genera la curiosa cascata: una volta determinata la precisa datazione, sarà poi possibile raccogliere campioni utili per studiare i batteri e le microscopiche forme di vita che ancora adesso popolano la sacca dove è situato il lago sotterraneo, e che porteranno ad arricchire la conoscenza umana riguardo l’inizio della vita sul nostro pianeta. Questi batteri, infatti, sono capaci di sopravvivere senza alcun tipo di luce, calore e ossigeno ed il loro habitat è rimasto pressoché immutato per tutti questi anni.
Attualmente, si stima che l’origine di questo bacino d’acqua sotterraneo sia avvenuta all’incirca tra i 2 ed 1,5 milioni di anni fa.

Natura e Ambiente
Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile

Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell'immensa città metropolitana di Milano, con l'obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo...

07 Agosto 2020
Natura e Ambiente
Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare

Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di...

05 Agosto 2020
Natura e Ambiente
Da aerei e droni, "bombe di semi" contro la deforestazione in Thailandia

La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato...

07 Luglio 2020
Natura e Ambiente
Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina

Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di...

20 Maggio 2020
Natura e Ambiente
Estate 2020 in spiaggia con cupole di Bambù: l’idea di un team di architetti romani

Dagli ombrelloni distanziati, alle cabine in plexigalss, fino agli accessi numerati, l’estate 2020 in tempi di Coronavirus lungo le spiagge italiane non sarà ovviamente una stagione facile da gestire. Molte...

05 Maggio 2020
Archivi
calendar
Ultimi articoli
L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
17 Settembre 2020
leggi tutto
Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
14 Settembre 2020
leggi tutto
Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
10 Settembre 2020
leggi tutto
Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
09 Settembre 2020
leggi tutto
In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
08 Settembre 2020
leggi tutto
Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
07 Settembre 2020
leggi tutto
La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando "il razzo più potente di sempre"
04 Settembre 2020
leggi tutto
Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
03 Settembre 2020
leggi tutto
Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
03 Settembre 2020
leggi tutto
Arriva la mascherina dotata di purificatore d’aria inossidabile
02 Settembre 2020
leggi tutto
Arriva l'autunno: alla scoperte delle Langhe e dei paesaggi infuocati
01 Settembre 2020
leggi tutto
Google sfida gli atenei e lancia la sua università con corsi brevi, intensi ma economici
31 Agosto 2020
leggi tutto
L’Acqua di mare diventa potabile in 30 minuti grazie all’energia solare
28 Agosto 2020
leggi tutto
Addio code al supermercato: “Filaindiana” aiuta ad evitarle
27 Agosto 2020
leggi tutto
I benefit di Google ai dipendenti non si fermano alla vita terrena: metà dello stipendio alla famiglia e "paghetta" per i figli dei deceduti prematuramente
26 Agosto 2020
leggi tutto
mail instagram facebook youtube
Cookie Informativa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.

Accetta Scopri di piu
close
Condividi il nostro articolo sui social